Cambia Tito con Graziano Scavone sindaco

La qualità urbana è un motore di crescita sociale ed economica di un territorio.

Migliorare la qualità urbana significa raggiungere livelli soddisfacenti della qualità degli elementi fisici (aria, acqua, rumore, elettromagnetismo, ecc.), sociali (accessibilità e spostamenti, servizi pubblici e privati, luoghi di incontro, rete commerciale, ecc.) e psicologici (accettazione, sicurezza, paesaggio, ecc.). Fattori che nell’insieme contribuiscono ad accrescere l’identità del luogo e il senso di appartenenza al territorio.

Il patrimonio esistente necessita di miglioramenti atti ad assicurare ai cittadini un elevato livello di accesso ai servizi e ai luoghi fisici, intesi come risorse per entrare in relazione e fare comunità.

Obiettivi saranno:

  • GARANTIRE LA SICUREZZA nel centro abitato attraverso la realizzazione del progetto di potenziamento della videosorveglianza già candidato al Ministero degli Interni e nel polo produttivo di Tito attraverso la realizzazione del progetto di videosorveglianza già finanziato e curato dal Consorzio Industriale di Potenza in coordinamento con le forze di polizia locali e statali ;
  • ATTIVAZIONE della convenzione con gli istituti di vigilanza privati ai sensi del protocollo ministeriale già sottoscritto dal Comune “Mille occhi sulla città”;
  • ISTUTUIRE le zone a controllo di vicinato;
  • MIGLIORARE la vivibilità del centro storico investendo sulla realizzazione di aree di sosta per pedoni e veicoli, sul rifacimento della pavimentazione stradale compromessa;
  • COMPLETARE il processo di acquisizione delle aree lottizzate e non ancora cedute ai fini della realizzazione degli standard urbanistici;
  • REALIZZARE impianti sportivi a servizio della comunità partendo da quelli già progettati e finanziati (a Madonna delle Grazie, in via San Vito a completamento della scuola Rodari, in C/da Macchia);
  • REALIZZARE la palestra a servizio dei plessi scolastici di Tito scalo;
  • REALIZZARE un’area parcheggio e area sosta per i camper nell’ex area prefabbricati di via Roma;
  • FAVORIRE la rimozione degli scheletri edilizi che deturpano il paesaggio urbano;
  • PROMUOVERE interventi di riduzione di consumo di suolo attuando quanto proposto a tal proposito nella recente variante al Regolamento Urbanistico;
  • MIGLIORARE l’accesso alla città con la realizzazione di rotatorie come previsto nell’ipotesi di svincolo per Tito SS95-SS95VAR proposta da ANAS;
  • REALIZZARE d’intesa con Regione Basilicata ed RFI la proposta già presentata del sottopasso pedonale-veicolare-ferroviario in sostituzione dell’attuale passaggio a livello di Tito scalo;
  • RIQUALIFICARE il centro urbano di Tito scalo attraverso la realizzazione del progetto già finanziato della nuova piazza e la realizzazione del nuovo plesso scolastico di via Segni;
  • RIDURRE le barriere architettoniche;
  • FAVORIRE l’adozione delle aree verdi secondo il Regolamento già approvato;
  • INTEGRARE il processo di messa in sicurezza antisismica della scuola elementare F. Cafarelli e progettare gli interventi di adeguamento sismico;
  • COMPLETARE l’ammodernamento dell’edilizia scolastica esistente attraverso la realizzazione dei progetti già finanziati di adeguamento sismico dei corpi A e B della scuola media G. Pascoli, di realizzazione di un auditorium nel nuovo plesso della sciola G. Rodari;
  • COMPLETARE gli interventi di miglioramento della viabilità rurale;
  • REALIZZAZIONE del progetto già finanziato per il contrasto al disagio abitativo e per la riqualificazione urbana nell’area attualmente occupata dalla palestra di via Convento.