Cambia Tito con Graziano Scavone sindaco

CULTURA

Valorizzare i nostri contenitori culturali e naturalistici ( la Torre di Satriano in Tito, il Convento di Sant’Antonio da Padova, la Biblioteca Comunale Lorenzo Ostuni, il Fondo Carlo Alianello, il Centro per la Creatività Cecilia, il rifugio La Casermetta) rimane l’obiettivo primario dell’azione amministrativa in campo culturale.

A questo si aggiunge il realizzando Istituto Europeo del Simbolo, all’interno dell’antico Palazzo Laurini, su cui si sono concentrati e si concentreranno gli sforzi dell’Amministrazione Comunale.

Obiettivi saranno:

  • INCENTIVARE LE ATTIVITA’ DELLE ASSOCIAZIONI nella valorizzazione dei nostri contenitori culturali e delle attività legate alle nostre tradizioni;
  • PROMUOVERE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO che si occupano di diffondere la coesione sociale attraverso la cultura e la tecnologia, soprattutto nella fascia di età compresa dai 10 ai 16 anni;
  • PROMUOVERE le associazioni di volontariato che si occupano anche di attività di pubblico utilità e interesse.
  • PROMUOVERE l’attività della Biblioteca Comunale “L. Ostuni”, soprattutto incentivando la frequentazione della stessa tra i più piccoli e intensificando l’attività del punto di lettura rivolto ai piccoli dagli 0 ai 3 anni;
  • PROMUOVERE la diffusione delle attività naturalistiche, in collaborazione con le associazioni locali. Percorsi di acqua trekking, valorizzazione maggiore degli orti a valle del paese, sono solo alcuni degli elementi culturali- naturalistici su cui si concentrerà l’azione amministrativa;
  • PROMUOVERE l’attività del Centro per la Creatività Cecilia, in particolar modo creando fab-lab, grazie anche al già finanziato laboratorio di stampanti 3D, e incentivando maggiormente l’attività teatrale, non solo amatoriale;
  • INCENTIVARE attività di promozione (incentivare maggiormente l’iniziativa “Centro in Tavola”), riqualificazione e valorizzazione del centro storico, anche attraverso concorsi tra comuni cittadini, sulla scia del progetto cardine di Matera 2019 “Basilicata Fiorita”;
  • CONSERVAZIONE e VALORIZZAZIONE dei beni culturali del centro storico (in particolar modo i portali e portoni), attraverso anche adeguata pannellistica informativa, realizzando anche il già finanziato progetto “Discovery Taste”;
  • COMPLETARE e PROMUOVERE le attività del progetto “Ecomuseo del Paesaggio di Tito”;
  • ISTITUIRE uno sportello bandi finalizzato all’individuazione di finanziamenti, rivolti al mondo delle associazioni, con lo scopo di monitoraggio, formazione, progettazione e gestione di bandi europei.
  • PROMOZIONE dei prodotti tipici, attraverso i marchi De.Co. e Garantito.

SVILUPPO

  • MONITORARE l’istituzione della Zona Economica Speciale nell’area industriale di Tito al fine di promuovere sistemi di incentivazione degli investimenti produttivi e di detassazione per le imprese locali;
  • PROSEGUIRE nella azione di coinvolgimento della Regione Basilicata al fine della presentazione della istanza di riconoscimento di area industriale di crisi complessa ai sensi del decreto ministeriale n.83/2012 ;
  • PROSEGUIRE nella azione di coinvolgimento della Regione Basilicata al fine della istituzione di un contributo regionale straordinario a favore dei comuni industriali vincolato all’abbattimento della TASI sugli stabilimenti produttivi.
  • Esenzione della Tari per l’avvio di nuove attività imprenditoriali giovanili.
  • PROSEGUIRE nell’azione di riduzione delle tasse locali attraverso la rideterminazione dei valori venali delle areee edificabili;
  • ADESIONE alla definizione agevolata per tutti i tributi locali (decreto crescita);
  • AVVIO della sperimentazione del sistema di tariffazione puntuale della TARI al fine della riduzione della tassa sui rifiuti;